Some hints about shaping a business model canvas

canvas foto

A few hints about using the business model canvas. This represents a very useful and handy system to schematize the development strategy of your startup but a few practical suggestions may be applied:

KEY PARTNERS: List non just names (not always meaningful for the reader!) but the type of partner; list the partners not random but in order of importance. Try if you can to give informations about redundancy (f.i. are there alternatives ready?)

(it has at least to answer to the following points: Who are our key partners?; Who are our key suppliers?; Which key resources are we acquiring from our partners?; Which key activities do partners perform?)

KEY ACTIVITIES: List not just process names but try to explain why are rare they so crucial and essential in your own value chain…; list in order of importance. Try if you can to give informations about redundancy (f.i. can you figure out alternatives, can you figure out an outsourcing of such a process?)

(it has at least to answer to the following points: What key activities do our value propositions require?)

-KEY RESOURCES:  try to make also for this point something more than a list…if possible, try to define priorities in order of importance. Try to give to the reader a hint about key suppliers: if they are so specific/rare and, sometimes, there is no alternative for same of them, is necessary to mention them also in the “key partner list” because that’s what they really represent for you!!!

(it has at least to answer to the following points: What key resources do our value propositions/business model require?)

VALUE PROPOSITION:  work hard in this section pf the canvas. It should be included: an inspiring vision of your startup; a mention of the possibility to realize it in steps/modules (f.i. what is a possible MVP?); can you list in this section at least 4-5 key values that make your value proposition unique? (and, at the same time, characterize you as an entrepreneur)

(it has at least to answer to the following points:  What value do we deliver to the customer? Which one of our customers’ problems are we helping to solve?; What bundles of products and services are we offering to each segment?; Which customer needs are we satisfying?;What is the minimum viable product?)

CUSTOMER RELATIONSHIP: This section is important and strictly connected with the “customers “ area… avoid being too generic. If customer experience is relevant, be specific in briefly describing how this interaction/communication, according to you, will take place…keep in mind what are the contents of the “channels” sections: is there a sufficient congruence between the 2 areas of the canvas? Keep in mind the costs, because customer relationship can represent a relevant investment

(it has at least to answer to the following points: How do we get, keep and grow customers?;Which customer relationships have we established?;How are they integrated with the rest of our business model?; How costly are they?)

-CHANNELS: This section is tricky..be careful with words and try always to explain. Avoid being too generic: you cannot list too many channels if there is no logic behind/without an explanation. Moreover, to adopt a channel carries specific costs and sometimes requests specific efforts and times. (f.i. making an agreement with organised large-scale distribution systems) If a channel/distributor/vendor  is essential for developing your business model, is necessary to mention them also in the “key partner list” because that’s what they really represent for you!!!

(it has at least to answer to the following points: Through which channels do our customer segments want to be reached?)

-CUSTOMERS:  Try to depict your customer profile really in depth: is the target segment well described and clear for the reader? Did you explain in the canvas why is this specific segment so relevant for you? Is there a rank of the possible targets?

(it has at least to answer to the following points: How do we get, keep and grow customers?;Which customer relationships have we established?;How are they integrated with the rest of our business model?;How costly are they?)

-COST STRUCTURE: don’t be either too vague or too concise: is essential to explain first in a note your cost structure and then try to give an idea of the related importance of every factor. This means also expressing values as a percentage of the total cost in place of expressing values using currency. Moreover, it can be useful to split this section in two or more areas, expressing costs related to first/second year of the business plan, just to make the point clearer for the reader

 (it has at least to answer to the following points: What are the most important costs inherent to our business model?;Which key resources are most expensive? ;Which key activities are most expensive?)

-REVENUE STREAM: that’s why you are going through all this job!!!! Don’t forget to explain (maybe splitting the section according to a year -1; year-2 vision) the revenue stream strategy & model. Possible investors /partners will be very careful in reading this area of the canvas. If you can convincingly explain it, then it probably works!!!  MVP principles can be very useful in testing the feasibility of the revenue model.  Tell also about previous experiences/tests/interactions with customers that can somehow highlight the feasibility of the overall picture.

(it has at least to answer to the following points: For what value are our customers really willing to pay?;For what do they currently pay?;What is the revenue model?;What are the pricing tactics?)

 

IN A WORD:

  1. KEEP EVERYTHING IN BALANCE
  2. THEREFORE, IF YOU CHANGE SOME POINT, ALWAYS TAKE INTO ACCOUNT TO ANALYZE THE CONSEQUENCES ON THE OTHER SECTIONS OF THE MODEL
  3. REVIEW THE MODEL MANY TIMES AND PERIODICALLY
  4. USE IT AS A SORT OF ABSTRACT (AND INDEX) OF YOUR TO BE BUSINESS PLAN

 

Annunci

L’OMBRA DEL CASO

L’ombra del caso
Massimiliano Bellavista
© 2018 – Il Seme Bianco

hISBN 978-88-854-5295-4
Prezzo € 22,90
Pagine 272

ttp://www.ilsemebianco.it/

http://www.castelvecchieditore.com/

 

RETRO LIBRO L'OMBRA DEL CASO

 

Zero: epilogo
Esther, vorrei che la scuola, madre delle nostre prime parole, non chiudesse .È lì che nei miei sogni vorrei tornare, uscendo da questo letto, daquesto corpo in rovina, da questa parte di notte che però è tutta la vita chemi rimane. Che c’è di più patetico di un vecchio che sogna poco prima dimorire? Ma è ora di lasciare andare via quest’anima, o quello che ne resta esognare ne allevia il dolore. Ho appena scritto la mia confessione, affidandolaa chi di dovere. Lui saprà al bisogno cosa farne. Adesso è tempo di
scrivere questa lettera, la più importante. Di cui nessuno, a parte noi, per
molto tempo saprà niente.
Voglio scriverti pensando di poterti parlare un’ultima volta Esther. Un filo sottile di musica ci accompagnerà, quella che tu gradivi tanto, Il FlautoMagico, quella che lo stesso Mozart, poche ore prima di morire, fra tutti i capolavori composti, chiese di cantargli al pianoforte al suo amico maestro di cappella che lo assisteva al capezzale.
«Der Vogelfänger bin ich ja,
stets lustig heisa hopsasa!
Ich Vogelfänger bin bekannt
bei Alt und Jung im ganzen Land »

Ecco.

L’ultimo giorno, nel pomeriggio, quando le maestre erano ormai partite lasciandoci in dono un’estate infinita, ci radunavamo in cerchio sotto l’enorme magnolia del cortile. Tu mettevi le tue mani sulle mie ginocchia, coi palmi rivolti all’insù e io le accarezzavo. Quella era la felicità. Avrei smesso di cercarla già da allora, se solo avessi saputo riconoscerla come tale. Forse sì, alla fine, sarebbe stato meglio. Ma proprio in questo consiste l’inganno della vita, impiegarne buona parte per cercare ciò che si era inconsapevoli di avere già a disposizione.
La scuola vuota alle nostre spalle era un piccolo e indifeso essere giallo,
accucciato sotto il sole. Dicevamo parole immaginarie che salivano in spirali
verso l’ombra interna della magnolia.
Dopo tanto lavoro sapevamo di non sapere niente, lo dicevano i nostri
occhi che salivano seguendo distratti verso l’alto le infinite pieghe del
tronco. Nessuno parlava, un ritmo si era appena interrotto e un altro era
da cercare.
Fu lì mi pare, che per la prima volta ho esplorato il tuo sguardo con
altri fini, con altre intenzioni, cercandovi istintive conferme. Le macchine
di allora non erano così efficienti e silenziose, si annunciavano da lontano,
non potevano inerpicarsi fin lassù e ci sarebbe voluto tempo perché tuo
padre venisse a cercarti. E in tutto quel tempo potevi essere mia in quello
spazio, con tutta la tua anima.
La nostra scuola avrebbe conosciuto giorni di profondo silenzio. Il silenzio
di un guscio vuoto. A quell’odore caratteristico di muffa che veniva
da sotto le cattedre e i banchi rivestiti di formica verde, dalle colle e dai
colori dei disegni stipati negli armadietti, sarebbe stato concesso il tempo
di accumularsi indisturbato. Al nostro amore acerbo, di irrobustirsi.
Fuori la natura, fatta di edere ed erbacce, avrebbe tentato di riprendersi
lo spazio perso; le formiche in tenaci colonne, di colonizzare le aule.
Io e te venivamo qui (mi immagino di esserci, proprio in questo momento,
mentre le gambe già non mi rispondono più e con la lingua non
potrei più articolare alcun suono compiuto), ogni giorno d’estate a parlare, bevendoci la salita di due tornanti mal segnati sul fianco della collina
spoglia. È qui che il nostro gioco cominciò a prendere la forma e i ritmi
dell’amore. È qui che abbiamo sepolto i nostri anelli, attraversati ora da
chissà quante e quali radici.
Un amore troppo breve, comunque. Per mia colpa, si intende. O dovrei
parlare al plurale, perché sono molteplici le colpe per cui dovrei essere
giudicato. Molte altre se ne sono aggiunte anche dopo la tua morte,
o forse proprio a causa di essa. Chi può dirlo ora? Al punto in cui sono
giunto anche assumersi una responsabilità così orribile aiuta comunque
a sentirsi vivi.
Vorrei poterti abbracciare, dopo tanti anni, come allora. Ma non sarà
possibile, lo so, né ora, né dopo, né mai. Certe cose accadono e prendono
una vita propria che non dipende più da noi. Altre si estinguono
inspiegabilmente. Certe pietre una volta smosse, continuano per sempre
a rotolare in basso.
A proposito, la nostra scuola non riaprirà più. A settembre sarà già un
rustico castello per turisti, senza passato. Un resort, come li chiamano adesso.
L’ho letto, me l’hanno letto dal giornale di oggi. Come ultimo gesto,
ho tentato di comprarla per lasciarla così com’è, per sempre. Ma non vi
sono riuscito. Dicevano che non bastavano i soldi ma ci voleva anche un
progetto per il suo futuro e proprio quello era il punto. Il mio progetto era
di non averne alcuno. Io a quel posto di futuro non volevo darne alcuno,
per me era solo una conchiglia da accostare all’anima, per ascoltare il passato.
Ovvio che nessuno mi ha capito. Sono ancora un vecchio rispettato e
forse influente, ma soprattutto sono considerato un rudere ingombrante.
Hanno scelto degli stranieri, degli arabi se ho ben capito.
I miei occhi sono quasi morti, si stanno lentamente spegnendo. Seguirà
il resto del corpo, ma ci sono ancora alcune cose che devo fare. Quando
tutto si fa nero, per ora assomigliano a intermittenze, distinguo solo una
debole luce, come quella che filtra da sotto una porta… ma non credo che
si tratti di una luce fisica, reale, perché non riconosco le particolari tinte che essa assume nella mia casa, nella stanza dove mi trovo e dove ho vissuto
la maggior parte del mio tempo libero. Mi domando cosa ci sia dopo.
Spiritus astra petit, dicono. Ma io mi auguro invece che il mio spirito non
ambisca in alcun modo a tornare al cielo. Mi auguro il nulla, o al massimo
invoco la pena della solitudine perché ogni relazione con altre entità implicherebbe
un giudizio, e a questo punto ti devo confessare che sono stanco,
troppo stanco di giudicare o essere giudicato. O anche solo di dialogare.
Ma la magnolia, maestra del tempo, sono sicuro veglierà ancora quel
che resta della nostra scuola. O quel che diverrà. Anche dopo di me.
Come ultima sfida al mondo seppellisco la presente lettera tra questi
miei libri con lo stesso spirito un po’ curioso e molto scettico con cui si
mette un messaggio in una bottiglia e la si lancia in mezzo all’oceano.
Vuole essere un omaggio alla legge del caso, che ho amato tanto.
«Wenn Tugend und Gerechtigkeit
der Großen Pfad mit Ruhm bestreut,
dann ist die Erd’ ein Himmelreich
und Sterbliche den Göttern gleich.»
Così facendo beninteso non spero in alcuna redenzione o salvezza perché
quelle solamente tu me le potresti concedere, ma solo di perpetuare
almeno un po’ la nostra storia, confidando in una breve eternità posta tra
il tempo e l’incuria di chi verrà.
Fino a quando qualcuno per caso o passione in un tempo diverso e
spero migliore riaprirà le pagine cui affido queste righe. Non ho più forze
né tempo, devo mettermi seduto e attendere l’ultimo atto di questa messa
in scena. Quanto è inutile, ma quanto è tremendo, dirti che ti amo. Sono
pieno di te.

Buonanotte Esther.

 

In uscita la prossima settimana

L'ombra del caso.Bellavista_prima_preview-1

Una serie di omicidi si sta consumando in città, senza che fra le vittime vi sia alcun apparente legame; lo stimato Commissario M. non riesce proprio a venire a capo di questa misteriosa scia di sangue.

Un’assillante domanda: chi è la mente o il braccio di questi orribili delitti?

Un’unica certezza: l’assassino è sempre lo stesso, un tiratore professionista che non lascia alcuna traccia del proprio passaggio.

Dopo ogni omicidio, le indagini disvelano scenari inquietanti – criminalità organizzata nell’ambito degli appalti pubblici, tangenti, pedofilia e prostituzione – che hanno come protagonisti personalità di spicco all’interno della città.

Ma gli arresti di costoro non placano la sete di verità del Commissario M.: egli vuole scoprire l’identità dell’assassino e il movente che sta alla base degli omicidi perpetrati.

Le mail scritte da una delle vittime, i codici cifrati, il suicidio di un giudice e la sua lettera di confessione, pur intensificando il mistero, aiuteranno il Commissario a venire a capo del bandolo dell’intricata matassa.

L’autore dispiega uno stile di scrittura molto dettagliato e ricco d’impatto visivo, arguto e accattivante.

Nulla è lasciato al caso: ogni dettaglio è curato nei minimi particolari, a partire dall’abile studio psicologico del  protagonista.

Un romanzo che lascia dunque il lettore con il fiato sospeso fino alla scoperta di un insospettabile colpevole…”

 

 

 

 

DELIVERING YOUR ENTREPRENEURIAL RECIPE: A STARTUP AS A DISH

                                                               RECIPES

 

SERVING SIZE:  first try to classify possible stakeholders, starting from those that could be at the moment the hungriest and/or the easiest to serve.

THE INGREDIENT LIST:  As well as in a real recipe you list all ingredients in order of use, starting from the most important ones, as described in step-by-step instructions, this means essentially to make sure:

  1. to have a complete list of competitive advantages: those are what is spicing up your dish and makes it special/different than anyone else
  2. to have a list of all the other ingredients: how special/are they are, how difficult and how long it takes to purchase them?

Concerning the using order, can you tell exactly how is going to work? If you can, it means you have more or less defined the key processes of your start up, because a using order is strictly related with time and with the sequence of actions you perform to deliver a product or a service…so get to know your processes!!!!

THE PREPARATION METHOD

THE MIXING BOWL: how large it can be? In other words, infrastructure plays an important role.  Giving up for a moment dreams and ideal scenarios, do a reality check: what you can rely on? Start-up incubator (providing the services you really need?), a business angel, just your own resources… at least in stage 1. Your recipe should adapt to such conditions, postponing any further improvements to a future stage 2.

THE PREPARATION:  this is very important. The preparation should be as soon as possible:

standardized: a good recipe Is clear and well written, so that it can be infinitely reproduced, communicated to key stakeholder so that they can also verify its feasibility. A well documented set of processes/policies as well, sometimes, as a peculiar/unique method makes really the difference!   Many startupS fail since the very beginning to perfom such a relevant task.

-protected: sometimes a good recipe for business is all you have at the very beginning of your entrepreneurial career. Have you properly assessed the way (and the related feasibility, times and costs) to protect your idea (f.i. with non disclosure agreements, patents, registrations etc etc)

HOW TO PLATE: always give to your customer proper instructions on how to make the best use of what you are providing, keeping in mind to be:

clear

exhaustive

-using an effective communication style

encouraging, because customer is, generally speaking, lazy: customer wants to be reassured, encouraged, not scared by something new or different than usual

HOW TO GARNISH: have you an idea of complementary products/services that can be provided?

HOW TO STORE YOUR DISH (if applicable): I mean, can you estimate how long your dish will last, can you give instructions to your customer concerning how to take care of the purchased goods? And, moreover, are you in the position to assess how is going to work about after sales processes, so f.i.:

-how to provide to your customer consumption informations and/or suggest ideal consumption behaviour

-how to reintegrate stocks

-how to sale other dishes and or complementary products

A FINAL NOTE: You must test your recipes to make sure they work, the amounts and serving sizes are correct, and that they taste as great as you intend., repeat testing and revision are needed.

 

…ENJOY!!!

ORO: tra anacronismi (apparenti) e modernità

 

“Oro ha voluto dire molte cose per gli esseri umani da quando è stato scoperto il modo di fonderlo e modellarlo, circa tremila anni fa.Bellezza.Divinità.Valore.Ricchezza.Risparmio. Scambio.”

Il grande facilitatore e fluidificatore dell’economia trattato in un libro assai ben scritto, chiaro e godibilissimo, un libro che non è pensato solo per gli adulti ma che vedrei bene anche per lettori assai più giovani che volessero capire il rapporto tra l’oro e la fiducia, tra l’oro e l’economia, tra l’oro e la nostra società e la nostra storia.

Oro

“Oro” (Il Mulino, 132 p., € 12,00) (https://www.mulino.it/isbn/9788815274144)

Libri dimenticati da leggere: Ben-Hur

Ben-Hur (Ben-Hur: A Tale of the Christ) romanzo storico, scritto da Lew Wallace nel 1880.

— « L’hortator mi dice che tu sei il suo miglior rematore.» —

— « L’ hortator è molto buono » — rispose il forzato. — « Hai servito a lungo ? » —

 — « Quasi tre anni. » —

— « Ai remi ?» —

— « Non mi rammento un giorno di interruzione. » —

— « La fatica è grande : pochi uomini la sopportano un anno senza ammalarne, e tu… tu sei ancora un ragazzo ! » —

— « Il nobile Arrio dimentica che lo spirito aggiunge tenacia al corpo. Col suo aiuto talora il debole vive là dove un forte perirebbe. » —

 

 

ben hur

 

https://archive.org/details/benhurunastoria00walliala

 

 

10 (or more) Questions You’ve Always Wanted to Ask (yourself) as a Startupper

questions

  1. Can I communicate my vision effectively in less than 30 words?
  2. Can I communicate my mission efficiently providing measurable targets/objectives?
  3. Can I think of a plan B? (I. downsizing, decomposing/recomposing my business idea in order to shorten time to market?)
  4. Can I (culturally) accept failure? Can I overcome my fear of failure and, in the process, create a culture of intelligent continuous risk taking. (many successful startups represent the second third (etc) attempt to business world)
  5. Do I have a strong and capable team to propel the business forward? Do I trust them? (the success of a team hinges on the level of trust among team member; the concept of “team” includes an efficient incubator/business angel, able to provide the right services (f.i legal services) at the right time)
  6. Did I try to perform an analysis of my startup strategic plan with the help of tools/Frameworks such as : SWOT analysis, Value chain analysis, Business Model Canvas, Porter’s Five Forces?
  7. Did I try to assess the risks connected with the realization of my business plan and figure out how to handle it? (f.i contractual risks, dealing with confidential/classified informations etc)
  8. Did I perform a startup pre-mortem ?(Startup projects can be better improved rather than autopsied)
  9. What can you do to retain (and attract) talents into your startup (in other words, how contagious is your idea?…in fats, at the very beginning, you can’t count on many economic resources…)
  10. Do I try enough to formalize my key activities and process with documented procedures and informations?
  11. How do I see myself 5-10 years from now? (in other words, what about my real target: selling my startup at an early stage moving forward to something else, or leading its development till completion)