Barzhaz noir terzo posto

Roba da togliere il fiato

Un omone si affacciò all’ingresso e coprì con la sua mole una fetta di luce: – Buongiorno, Tarta.

Il meccanico borbottò una risposta. L’omone si avvicinò a passi pesanti: – L’auto è pronta?

– Ho cambbb-iato solo ooo-lio e filttt-ri – facendo schioccare la lingua ogni volta che una lettera gli s’inceppava tra i denti.

– I freni sono apposto?

Il meccanico annuì.

– Bene. Perché devo andare alle terme e ci saranno da affrontare parecchi tornanti in discesa – l’omone si accostò all’auto e aprì la portiera – per premio ti dirò una ricetta che ho appena realizzato, sanguinaccio e castagne, la vuoi sentire? – e senza aspettare la risposta gliela disse.

     – DDD-evi paggg-are!

L’omone fece finta di non capire: – Da quanto tempo è che non facciamo una cena? Con Anna, Franco e tutti gli altri?

Lo sai benissimo, è da quando ti scopi mia moglie! Pensò il meccanico.

     – Bisogna farla al più presto, magari nel mio ristorante – salì e abbassò il finestrino – ti pago la prossima volta, Tarta, sono di fretta… c’è una pollastrella che mi aspetta – strizzò l’occhio – mi raccomando: mettici un filo d’olio sopra il sanguinaccio. Roba da togliere il fiato, vedrai! – accese l’auto e se ne andò.

È vero, un filo d’olio può togliere il fiato… anche per sempre. Pensò il meccanico mentre osservava la sottile punta a ferro che aveva usato per fare due fori nel serbatoio dell’olio dei freni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...